Archives: Cloud

28 Dic

Cloud: ecco tutto quello che c’è da sapere

La tecnologia cloud è in costante aumento, ma che cos’è esattamente? Come funziona l’archiviazione dei file? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo servizio? Questo articolo affronterà queste domande e spiegherà i termini più importanti del cloud computing.

 

Che cos’è il cloud computing?

La definizione di cloud o ‘cloud computing’ potrebbe sembrare un po’ ostica da comprendere. Essenzialmente, si tratta di una vasta rete di server remoti collegati tra loro in tutto il mondo e pensati per funzionare come un unico ecosistema. Questi server sono progettati per archiviare e gestire dati, per eseguire applicazioni, fornire contenuti o servizi come streaming di video, web mail, social media o software per la produttività dell’ufficio. Sostanzialmente, invece di accedere ai file e ai dati da un computer locale o personale, ti permette di accedere online da qualsiasi dispositivo compatibile con Internet rendendo le informazioni sempre disponibili ovunque tu vada e ogni volta che ne hai bisogno.

Le aziende utilizzano quattro diversi metodi per distribuire le risorse cloud. Esiste un cloud pubblico che condivide risorse e offre servizi al pubblico su Internet, un cloud privato che non è condiviso e offre servizi su una rete interna privata tipicamente ospitata on-premise, un cloud ibrido che condivide servizi tra cloud pubblico e privato a seconda dello scopo e un cloud di comunità che condivide le risorse solo tra organizzazioni, ad esempio con le istituzioni governative.

 

Cloud pubblico, privato e ibrido

 Il cloud pubblico è un servizio di elaborazione offerto da fornitori di terze parti sulla rete Internet pubblica, ed è disponibile per chiunque desideri utilizzarlo o acquistarlo. Può essere gratuito o venduto su richiesta.  Consente ai clienti di pagare solo in base all’utilizzo per cicli di CPU, di archiviazione o di larghezza di banda che consumano.

A differenza dei privati, i pubblici possono salvare le aziende dai gravosi costi di acquisto, gestione e mantenimento dell’hardware e dell’infrastruttura applicativa in sede. Questo perché  il provider di servizi di questa tecnologia è ritenuto responsabile di tutta la gestione e la manutenzione del sistema.

I cloud pubblici possono anche essere implementati più velocemente e ogni dipendente di un’azienda può utilizzare la stessa applicazione da qualsiasi ufficio o filiale. Utilizzando il proprio dispositivo preferito purché possa accedere a Internet. Nonostante siano stati rilevati problemi di sicurezza negli ambienti che utilizzano questa tecnologia in chiave pubblica. Se implementato correttamente, questa tecnologia pubblica può essere sicura quanto l’implementazione di una privata. Viene gestito in modo più efficace se il provider utilizza metodi di sicurezza adeguati, come i sistemi di rilevamento e prevenzione delle intrusioni (IDPS).

 

Il cloud privato è un servizio di elaborazione offerto su Internet o su una rete interna privata a uso esclusivo di un utente anziché di un pubblico in generale. Il cloud computing privato offre molti dei vantaggi di un cloud pubblico con l’aggiunta di maggiore controllo e personalizzazione. Inoltre, i cloud privati ​​offrono un livello più elevato di sicurezza e privacy attraverso il firewall. L’hosting interno che garantiscono che operazioni e dati sensibili non siano accessibili a provider di terze parti.

Per quello privato possono essere forniti due modelli di servizi. Il primo è l’infrastruttura IaaS che consente di utilizzare risorse infrastrutturali come l’elaborazione, la rete e l’archiviazione come un servizio. Il secondo è la piattaforma PaaS che consente a un’azienda di fornire dalle semplici applicazioni basate su questa tecnologia alle applicazioni aziendali abilitate più sofisticate. Quelli privati ​​possono anche essere combinati con quelli pubblici per creare quelli ibridi.

 

Il cloud ibrido, è un ambiente di elaborazione che combina un data center locale (chiamato anche privato) con uno pubblico, consentendo la condivisione di dati e applicazioni tra di loro. Alcune persone utilizzano l’ ibrido per includere configurazioni “multi” utilizzando più di uno pubblico oltre al proprio data center locale.

Tra i vantaggi di questa tecnologia in formato ibrido c’è che quando la domanda di elaborazione aumenta le capacità di un data center in sede. Inoltre, si può decidere di utilizzare l’ibrido per aumentare o ridurre istantaneamente la capacità e per gestire quella in eccesso. Inoltre, consente di evitare il tempo e i costi di acquisto, di installazione e di manutenzione di nuovi server.

 

Vantaggi e svantaggi del cloud computing

Se il cloud computing si è così largamente sviluppato negli ultimi anni è perché evidentemente questa formula mediante abbonamento è considerata vantaggiosa da molte imprese e non solo, e in effetti suoi i vantaggi sono numerosi, ma cercheremo di sintetizzarli in questi punti:

Accessibilità, la possibilità di accedere in ogni momento e da ogni dispositivo rende l’utilizzo del cloud facile, veloce e produttivo.

Uso ridotto dell’hardware, non ci sarà bisogno di avere strumenti che occupano molto spazio fisico perché la maggioranza dei dati e dei documenti saranno salvati nel cloud.

Semplicità di gestione, ogni impresa può gestire il cloud computing senza i costi e i problemi tecnici connessi ai server, perché essi sono gestiti a remoto.

Flessibilità, un professionista, una piccola o una grande impresa, probabilmente, non avranno le stesse necessità: il cloud computing permette di scegliere tra abbonamenti flessibili e personalizzati, sulla base della potenza di calcolo e di archiviazione di cui si necessita.

Passando agli svantaggi, preferiamo parlare di ipotesi nelle quali il cloud potrebbe non risultare vantaggioso per un’azienda o un professionista piuttosto che di svantaggi veri e propri.

Come sappiamo, la possibilità di utilizzare questo servizio dipende molto dall’effettiva qualità della connessione internet, e ci sono zone in Italia dove la connessione non è sicuramente al top, questo potrebbe causare problemi con l’utilizzo del cloud.

Per alcune tipologie di attività, il servizio cloud potrebbe avere un costo eccessivo rispetto ai reali vantaggi oppure potrebbe non dare sufficiente spazio o potenza di calcolo (ma in questo ultimo caso basta ricordare che i servizi di cloud computing prevedono spesso dei pacchetti a prezzi diversi ed è possibile acquistare anche la versione Premium).

 

Qual è il futuro del cloud computing?

Il passaggio a questa tecnologia può aiutare le aziende a ripensare i processi aziendali. Oltre che ad accelerare la loro evoluzione e siamo quindi convinti che nonostante sia già largamente diffuso, il suo utilizzo si estenderà sempre di più. Vogliamo però specificare un’ultima cosa: occorre sempre prestare attenzione nello scegliere dei servizi di  computing davvero affidabili, senza fare riferimento solamente al prezzo. Ricordiamoci sempre che questi servizi permettono di catalogare dati e documenti importanti, che vanno sempre tenuti al sicuro. Scegliere un partner affidabile diventa quindi davvero molto importante.  La sicurezza dei dati nel computing deve essere uno dei punti fondamentali nella scelta del tipo di servizio.

 

Per maggiori informazioni su Cloud Server puoi visitare la sezione apposita sul nostro sito 

Forniamo assistenza h24!